In Primo Piano

9 marzo 2017

Berlino, meta del viaggio aziendale 2016

Come accade ogni anno, anche nel 2016 la Lipari Consulting ha organizzato per le sue risorse un intero weekend in una meta estera. Il viaggio aziendale è un must, un rituale, un evento molto atteso che crea entusiasmo ed unità, un’occasione di crescita ma anche di divertimento. La meta scelta per il viaggio è stata la magica città di Berlino!

Ma quando è iniziato il nostro viaggio? Il nostro viaggio è iniziato molto prima di arrivare in aeroporto: è iniziato quando è arrivata la comunicazione, quando abbiamo saputo di conoscere posti nuovi, di condividere nuove esperienze con colleghi di vecchia data e con colleghi meno conosciuti. È iniziato quando è partita la mente, prima del corpo.

Tra pioggia e freddo, una meta come Berlino ci ha permesso di rivivere momenti storici, tanto importanti quanto crudeli, di visitare nuovi spazi, divertirci, conoscerci e riconoscerci nei nostri valori aziendali.

Il viaggio è stato caratterizzato da diversi momenti aziendali e attività di team building tenutisi alle porte dei principali monumenti di Berlino, dove la storia ha lasciato un segno che fa riflettere e fa crescere. Un gruppo numeroso ed eterogeneo, curioso di condividere e di scoprirsi, costituito da persone che hanno maturato esperienza decennale in azienda fino a risorse più giovani, un modo per confrontarsi e imparare dalle esperienze altrui.

Berlino ha affascinato l’intero gruppo con la complessità della sua storia e un presente e un futuro in pieno sviluppo; una città in perenne ricostruzione che guarda avanti verso il rinnovo, avendo imparato dal passato.

Il viaggio ha compreso la visita alla Porta di Brandeburgo, simbolo della città ed emblema prima della divisione delle due Germanie e adesso della Germania unita; i resti del Muro di Berlino e l’East Side Gallery, l’affascinante e curiosa galleria all’aperto; il Memoriale, monumento in memoria delle vittime dell’Olocausto, per concludersi con l’isola dei musei, ricca di tesori antichi, e il Parlamento, da cui ammirare Berlino a 360°.

Ma dopo l’intensità dei giorni vissuti in viaggio, è arrivata la consapevolezza di dover tornare, carichi di emozioni e con la voglia di ripartire, perché in fondo questi sono percorsi che fanno crescere sempre di più.

 

 “Il viaggio è una porta attraverso la quale si esce dalla realtà nota e si entra in un’altra realtà inesplorata, che somiglia al sogno”

Guy de Maupassant